giovedì 21 novembre 2013

Se proprio non riesco a farne a meno meglio una sigaretta elettronica.


Il Pre­si­dente dell 'AIPO (Asso­cia­zione Ita­liana Pneu­mo­logi Ospe­da­lieri) Prof. Andrea Rossi, Diret­tore della Pneu­mo­lo­gia dell’AOUI di Verona.




Si stima che ancor oggi il 20-25 per cento della popolazione italiana sia dipendente dalla nicotina, con le donne fumatrici che hanno raggiunto gli uomini. 
Cosa pensa della sigaretta elettronica? 
«A livello scientifico non sappiamo nulla di questo presidio, non ci sono studi sulla sua presunta tossicità tuttavia mi associo a chi sostiene che la e-cig possa essere meno pericolosa della sigaretta, sempre più killer. 
Le sigarette senza filtro che andavano per la maggiore nel recente passato provocavano il cancro prevalentemente in gola; quelle di oggi con il filtro, invece, fanno sviluppare il tumore più in periferia e la diagnosi, di conseguenza, spesso è tardiva. Se proprio non riesco a farne a meno, insomma, meglio una sigaretta elettronica».



Robert West, professore di psicologia della salute e direttore del centro studi sul tabacco al Cancer Research britannico.


"Le sigarette uccidono 5,4 milioni di persone ogni anno in tutto il mondo e il passaggio alle sigarette elettroniche potrebbe salvare milioni di vite". 
Sebbene le e-cig contengano alcune sostanze nocive, sono comunque ben 450 volte inferiori rispetto a quelle contenute nelle sigarette tradizionali.



Deborah Arnott, direttore generale dell'associazione contro il fumo Ash


"Le e-cigarettes sono un passo un avanti per la salute pubblica, servono in due casi su tre per smettere di fumare tabacco, ma serve una regolamentazione accompagnata da attenti studi sulla pericolosita' di questi nuovi prodotti".



1 commento:

  1. I got my first electronic cigarette kit on VaporFi, and I enjoy it a lot.

    RispondiElimina